Kenzo Takada e il suo attacco alla moda: basta con i cloni

Kenzo Takada e il suo attacco alla moda: basta con i cloni

Il grande stilista Kenzo Takada, conosciuto nella moda internazionale con il nome Kenzo, dopo essersi ritirato dal mondo dell’alta moda, decide di dire la sua su quello che sta succedendo oggi sulle passerelle di tutto il mondo. Quello dello stilista non vuole essere un mero attacco,  ma una sorta di incoraggiamento a comportarsi diversamente, per tutte le case di moda che cercano di elevarsi e di diventare note al grande pubblico.

L’accusa recita più o meno così: “Tutto il pret-à-porter è un insieme di cose già viste, senza idee originali, senza dettagli creativi.” Da 13 anni fa ad oggi, da quando cioè lo stilista ha abbandonato la sua casa di moda, lasciandola nelle sapienti mani della sua assistente, sulle passerelle di tutto il mondo abbiamo visto rivisitazioni, classicismo, modernismo, abiti dai tessuti e dalle forme innovative e tantissimi giochi di luce e di linee assolutamente eccentrici; eppure nulla di tutto questo ha stupito Kenzo.

La moda, per quanto innovativa ed originale, del resto, segue delle linee guida da cui è difficile distaccarsi. Quello che forse manca è un tocco giovanile, dato che le grandi case di moda tengono ben salde le redini delle proprie aziende senza mai permettere ai giovani stilisti di fare “il grande salto” nella loro carriera. Unica eccezione positiva per Kenzo? Dior e Yves Saint Laurent che riescono, nonostante il forte classicismo a cui sono legati, a regalare un tocco di innovazione a tutte le loro collezioni.

Il mondo della moda, ormai si sa, è ricco di cloni e copie che si intrufolano in tutto il mondo a discapito di chi crea abiti ed accessori facendo leva solo sul proprio talento. Un modo di vivere che ha del marcio, è chiaro, ma che fa riflettere sulla nostra epoca in senso ancor più globale rispetto alla moda. Primeggiare, diventare famosi e ricevere consensi, oggi, è fondamentale non solo per motivazioni economiche ma anche per puro piacere personale, sebbene ricercare la fama a tutti i costi rischi di penalizzare, poi, un intero settore.

Kenzo Takada, come da lui dichiarato,  non ritornerà più nel mondo della moda, ma dall’alto della sua esperienza invita tutti ad una nuova attenzione: la creatività rappresenta la differenza ma, come per tutte le grandi qualità umane, non è così semplice da trovare.

08 gen 2013, Posted by admin in Fashion, No Comments. Tagged , , , ,



Posting your comment...

Leave A Comment


Subscribe to this comment via Email

http://www.the-d-lovers.com/wp-content/themes/press